mamma 2.0 o quasi…

E’ un po’ che non scrivo sul mio blog di mamma 2.0, eh sì fare la mamma è leggermente impegnativo… ma grazie alle grandi invenzioni del secolo scorso e nuovo millennio la vita per noi mamme è molto più semplice delle mamme del: prima acqua corrente in casa; bagno in casa; telefono; lavatrice; lavastoglie; elettrodomestici tuttofare e non ultimo internet! Ah dimenticavo pannolini super assorbenti, della serie mai più senza. Mia mamma che non ha avuto, per i suoi primi tre figli, accesso a questa comodità, mi chiede sconcertata come sia possibile che non cambio il pannolino a Giulia durante la notte e io quasi spazientita: – ma mamma i pannolini di oggi durano 12 ore di asciutto e pulito!! tipo spot con faccia riposata e sorridente di mamma felice, in verità niente di più lontano dalla mia faccia stanca e non sempre gaia e sorridente!

Tornando alle magnifiche comodità di oggi tipo la lavatrice, ma come facevano le nostre nonne a lavare tutto a mano? certo avevano meno vestiti, non lavoravano se non in casa e sicuramente erano più temprate di noi, mentre le più fortunate possedevano personale di servizio che badava a queste incombenze, inizio a capire il disperato bisogno di aiuti domestici elettronici per le donne degli anni 60 che iniziavano a lavorare fuori casa e volevano raggiungere l’agognata”parità”, anche se non capisco ancora se parità significhi voler per forza assomigliare agli uomini o voler assomigliare più a un modello di donna perfetta e irraggiungibile, non sarebbe meglio se ci accontentassimo di essere noi stesse? oggi il solo ammettere di voler occuparsi a tempo pieno della propria famiglia e di prepare torte fatte in casa (per quelle fortunate che economicamente potrebbero permetterselo) è una colpa o qualcosa per cui provare vergogna.

Il fatto è che non siamo tutte uguali e ogni donna avrebbe il diritto di scegliere il meglio per se stessa, aldilà di modelli imposti e convenzioni sociali prestabilite. In ogni caso tornando alle comodità che sicuramente aiutano, ma complicano anche la vita annovererei internet, cioè internet è un’invenzione pazzesca e io personalmente adoro poter navigare e scoprire un sacco di cose nuove e interessanti, però internet se usato male tipo per fare diagnosi fai da te difronte ad un disturbo di salute o fare shopping on-line con la scusa di offerte imperdibili può avere risvolti assai pericolosi per il proprio benessere fisico e mentale.

Io, ad esempio, sono arrivata ad essere iscritta a ben 3 siti di vendite on-line, e pian piano stavo entrando in una spirale molto pericolosa per il mio portafoglio, poi grazie a Dio ho recuparato il senno e l’unico vero acquisto indispensabile della settimana l’ho fatto comprando il passa verdura, oggetto analogico ma davvero indispensabile per eliminare le odiose pellicine dai legumi, molto poco 2.0 ma molto vintage chic metropolitano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in post. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...